Voltron: il ritorno!

ROAR! Con le astrogambe va e il suo leone in petto ruggirà, tutto disintegra quando gli girano… Ops, quello era il Daltanious, mentre qui sempre di leoni parliamo, ma non di uno solo: ben 5!
Leoni robot spaziali componibili, ovviamente, protagonisti di un cartone di grandissimo successo negli anni ’80: i VOLTRON, il cui nome ricorda un po’ Ultron, un po’ Tron ma che non c’azzecca nulla. I leoni d’acciaio sono “figli” di un’operazione commerciale un po “tarocca” (il cartone nasceva dalla fusione di due anime completamente slegati tra loro, Golion e Armored Fleet Dairugger XV, accomunate solo dall’appartenere entrambe al genere mecha e dalla loro “mamma” (la nota Toei).

voltron1

Nonostante questa loro particolarità, comunque, hanno raggiunto una grande popolarità in occidente, tanto da essersi guadagnati più di una miniserie a fumetti.
La Dynamite ne sta per lanciare un’altra sul mercato, intitolata Voltron: from the ashes che vede ai testi Cullen “Deadpool” Bunn e ai disegni Blacky Shepherd.
Le copertine invece saranno curate da un veterano dei Transformers, ovvero Alex Milne.
Speriamo vivamente di poter proporre questa miniserie anche in italiano sugli scaffali di WoT!