Edgar Allan Poe: Antologia a fumetti

Famoso per i suoi racconti brevi e le sue poesie, da sempre Edgar Allan Poe instilla paura e fascino nel cuore di lettori di tutti i tempi, seducendoli.

Le sue storie conturbanti sono forse quelle che rendono meglio l’idea del genere gotico, ormai quasi giunto al termine, nonché del thriller psicologico e della letteratura dell’orrore, di cui è l’iniziatore. Sono, insomma, un classico senza tempo; sempre attuali e rese, forse, ancora più attraenti dal trascorso storico dell’autore. La sua vita sregolata, infatti, divisa tra alcool e droghe, e le tragedie famigliari hanno sicuramente contribuito a far sì che ci fossero sempre due costanti alla base dei suoi racconti: l’ossessione e l’incubo, il tutto condito da un’insensata, quasi perversa, folle violenza di cui spesso il protagonista non si rende conto.

Persino la sua morte è, ancora oggi, avvolta nel mistero, quasi come se ispirata da una delle sue macabre storie.

Ed è proprio questa Antologia a fumetti, edita da Magic Press, a racchiudere alcuni degli episodi più famosi (come Il Corvo, I delitti della Rue Morgue o Il pozzo e il pendolo), ed altri meno conosciuti di Poe, nell’intento di iniziarlo ad un nuovo pubblico; ma anche, perché no, presentarlo sotto una nuova luce a coloro che ammiratori lo erano già.

Le storie sono rivisitate e rieditate in un modo tutto nuovo, e i disegni hanno un tratto noir che si sposa alla perfezione con quello della penna di Poe, rendendo ben visibile l’inquietudine di quei racconti, grazie alla bravura di autori già affermati ed altri esordienti che non disdegnano di inserirvi un tocco tutto personale. Non mancano, infatti, dettagli anacronistici che tuttavia mai si allontanano dal surreale che già caratterizzava le storie dell’autore. Un mix di angoscia e sconcerto che spesso non lasciano spazio ad una catarsi, ancor meno ad un lieto fine; ciò nonostante conserva quell’irresistibile istinto di non poter fare a meno di arrivare in fondo al racconto, per poi riscoprirsi piacevolmente spiazzati da uno strano senso di soddisfazione, pur nell’angoscia.

Ho letto questo volume spinta più dalla malia che già aveva Poe su di me, piuttosto che dal fumetto in sé; non essendo un’accanita lettrice di fumetti, ne sono rimasta, invece, deliziosamente sorpresa. Non è facile rendere la prosa in vignette; ben più difficile, poi, rielaborare dei classici senza sfiorirne la poesia con cui, in questo caso, Poe diligentemente narrava di fatti altrimenti inenarrabili.

Pensavo, dunque, che fosse complicato raggiungere, o quantomeno emulare la bravura di un genio della portata di Poe, temendo che in qualche modo esso svilisse in un mero tentativo di riciclare, appunto, un classico semplificandolo. Con mio grande sollievo, invece, sono stata contenta di aver torto! Certo bisogna avere una prospettiva diversa da quella che ormai si ha avendo letto l’originale; ci sono storie che mi son piaciute meno di altre, ed alcune, invece, che a mio parere sono rese sublimemente, soprattutto dai disegnatori, e mai noiose o statiche.

Trovo che la totale assenza di colore, in un gioco di bianchi e di neri nelle tavole, sia quanto mai sensata e ben studiata, non lasciando nulla al caso poiché sono atte a riproporre l’atmosfera cupa del genere a cui lo stesso Poe si ispirava, ma con nuovi particolari saggiamente adoperati, per un classico, che non stonano mai.

Se amate le atmosfere dark ed il thriller (e Poe), beh non riuscirete a star fermi sulla poltrona sfogliando quest’ Antologia a fumetti, degno elogio al maestro dell’orrore.

Per informazioni e preorder del volume inviate una mail a info@wasteoftime.it o passate direttamente in fumetteria da WoT.

VOLUME UNICO
Edito da: MAGIC PRESS
Autori: Ian Edginton, Jamie Delano, John McCrea, Steve Pugh, Leah Moore
Prezzo: 15€
144 pagine in Bianco e nero, brossurato